Username   Password       Recupero Password - Registrati
Novità Newsletter
Il progetto Mare
Presentazione
I convegni
Le persone
Organizzazione
Lo Stato da mar di Venezia
Lo Stato da mar
Il sito
Lo svolgimento del progetto
L'organizzazione dei risultati
Gli Statuti
Gli Atti di dedizione
Gli elenchi dei Rettori
Le Commissioni, i dispacci, le Relazioni
Fonti e bibliografia
Le aree geografiche
Introduzione
Istria
Triestino
Dalmazia
Albania
Levante
-Isole Ionie
-Isola di Negroponte
-Isola di Candia
-Morea
-Arcipelago greco
-Grecia continentale
-Isola di Cipro
-Signorie feudali
Altre magistrature
Cariche da mar
Bailo e consoli
Motore di ricerca
Accedi al Motore di ricerca







Le aree geografiche

 Area: Triestino, Friuli orientale, Carsia, contea d'Istria, Fiume


 Inquadramento storico geografico amministrativo

Nel 1368 una lunga sfida commerciale con Trieste sfociò in guerra; la città venne occupata e, assieme ad altri, venne fortificato il castello di Moccò (Montecalvo), a custodia della valle di Zaule. Poi, nell’ambito della guerra di Chioggia contro Genova (1379-1381), nel 1380 cessò la sovranità veneziana su Trieste e Moccò. Venezia riprese possesso di quest’ultimo castello (di dipendenza della Carniola) nel 1463, nell’ambito di un altro scontro con Trieste e lo abbandonò, distrutto, nel 1511. Dai primi anni del XV secolo, con l’estinzione dello Stato patriarchino, ebbe il Friuli. Scoppiata nel marzo 1508 la guerra fra l’Impero e Venezia, in maggio quest’ultima occupò Duino, Gorizia, Postumia, Trieste, Pisino, Fiume, oltre a qualche terra in Cadore. Dopo la costituzione della lega di Cambrai e la sconfitta di Agnadello (maggio 1509) le terre conquistate vennero abbandonate, assieme a qualche località friulana già veneziana. Nel 1508 Venezia conquistò anche la città già imperiale di Pordenone. Perduta nel 1509, venne ripresa nel 1514 ed infeudata alla famiglia del generale conquistatore Bartolomeo d’Alviano sino al 1537, quando vi vennero nominati Castellano e Provveditore (di cui questo lavoro non si occupa). Nel 1511 l’Impero conquistò ed acquisì anche Gradisca, nel Friuli orientale. Il piccolo villaggio agricolo già patriarchino era entrato a far parte dello Stato da terra con l’annessione veneziana del Friuli, ed aveva acquisito rilevanza perché, dagli anni Settanta del XV secolo, Venezia aveva provveduto a fortificarla come baluardo contro le incursioni turche, e dal 1480 vi inviava un Provveditore (di cui questo lavoro non si occupa). Il confine fra Venezia e l’Impero venne definitivamente stabilito nel 1535; la guerra degli Uscocchi del 1615-1617, combattuta in queste terre, non portò a variazioni territoriali definitive.

 Rettorati
- Trieste
- Moccò
- Gorizia
- Cormons
- Belgrado
- Vippacco
- Duino
- Pisino
- Fiume

     © 2018 All Rights Reserved