Username   Password       Recupero Password - Registrati
Novità Newsletter
Il progetto Mare
Presentazione
I convegni
Le persone
Organizzazione
Lo Stato da mar di Venezia
Lo Stato da mar
Il sito
Lo svolgimento del progetto
L'organizzazione dei risultati
Gli Statuti
Gli Atti di dedizione
Gli elenchi dei Rettori
Le Commissioni, i dispacci, le Relazioni
Fonti e bibliografia
Le aree geografiche
Introduzione
Istria
Triestino
Dalmazia
Albania
Levante
-Isole Ionie
-Isola di Negroponte
-Isola di Candia
-Morea
-Arcipelago greco
-Grecia continentale
-Isola di Cipro
-Signorie feudali
Altre magistrature
Cariche da mar
Bailo e consoli
Motore di ricerca
Accedi al Motore di ricerca







Le aree geografiche

 Area: Dalmazia


 Inquadramento storico geografico amministrativo

Dalla spedizione orseoliana in Dalmazia della fine del X secolo, al 1358, anno della pace di Zara con l'Ungheria, con cui cedeva ogni possesso e diritto nella provincia, Venezia ebbe varie città dalmate sotto il proprio protettorato, anche a più riprese. Ciò avvenne anche per Ragusa, che però non le fu mai completamente soggetta.
Nel 1409 Venezia ottenne i diritti sulla Dalmazia - la stesura dell'atto di cessione da parte di Ladislao d'Angiò si ebbe nella chiesa di San Silvestro il 9 luglio - e tra il 1409 ed il 1421 (con qualche appendice posteriore), dopo fatti d'arme, acquisti e dedizioni passarono a Venezia le città della costa, le isole e parti delle Bocche; nel 1573, qualche cessione di terre già veneziane al Turco (che prese anche la fortezza ungherese di Clissa) portò la provincia al minimo limite territoriale.
La pace di Candia del 6 settembre 1669 concluse la guerra iniziata nel 1645 e fu seguita dal trattato del 30 ottobre 1671 che stabilì il nuovo assetto territoriale, poi detto "acquisto vecchio", sancito dalla "linea Nani": Venezia acquisiva Clissa, perdeva Macarsca e Poglizza.
Il trattato di Carlovitz del 26 gennaio 1699, che concludeva la guerra di Morea iniziata nel 1684, assegnò altro entroterra dalmata a Venezia, detto "acquisto nuovo" e sancito dalla "linea Grimani", con Tenin, Sign, Citluch e la quasi totalità delle Bocche (oltre alla Morea).
La guerra del 1714-1718 venne conclusa dal trattato di Passarowitz, che assegnò a Venezia l'"acquisto nuovissimo" sancito dalla "linea Mocenigo" del 1721. Venezia acquisiva Imoschi, la riva sinistra della Cettina e l'alto corso della Cherca, cedendo al Turco la parte più interna dell'area della Narenta, oltre alla Morea.
Con la sola eccezione di Ragusa, l'elenco delle magistrature veneziane nei reggimenti elencati riguarda solo la situazione dal XV secolo, senza occuparsi dei possessi o dei protettorati d'età precedente, anche se l'elenco dei rettori può citare anche qualche nome delle prime età veneziane.

 Magistrature veneziane provinciali o straordinarie
- Provveditore generale di Dalmazia e Albania
- Sindaci inquisitori in Dalmazia

 Reggimenti
- Almissa
- Arbe
- Brazza
- Cherso e Ossero
- Citluch
- Clissa
- Curzola
- Imoschi
- Lesina
- Macarsca
- Narenta
- Nona
- Novegradi
- Pago
- Sebenico
- Sign
- Spalato
- Tenin (Knin)
- Trał
- Veglia
- Zara

 Altre organizzazioni amministrative
- Poglizza
- Ragusa
- Vrana (Laurana)

     © 2018 All Rights Reserved