Username   Password       Recupero Password - Registrati
Novità Newsletter
Il progetto Mare
Presentazione
I convegni
Le persone
Organizzazione
Lo Stato da mar di Venezia
Lo Stato da mar
Il sito
Lo svolgimento del progetto
L'organizzazione dei risultati
Gli Statuti
Gli Atti di dedizione
Gli elenchi dei Rettori
Le Commissioni, i dispacci, le Relazioni
Fonti e bibliografia
Le aree geografiche
Introduzione
Istria
Triestino
Dalmazia
Albania
Levante
-Isole Ionie
-Isola di Negroponte
-Isola di Candia
-Morea
-Arcipelago greco
-Grecia continentale
-Isola di Cipro
-Signorie feudali
Altre magistrature
Cariche da mar
Bailo e consoli
Motore di ricerca
Accedi al Motore di ricerca







Le aree geografiche

 Area: Istria
 Rettorato: Capodistria


 Inquadramento storico geografico amministrativo

Denominazione classica: Justinopolis.
Era la città più ricca e con la nobiltà più prestigiosa dell’Istria, formata in gran parte da famiglie feudatarie, cui era soggetto l’ampio territorio circostante.
Dedottasi nel 1278, si rivoltò contro Venezia dal 1287 al 1291 e nel 1348. Nell’ambito della guerra di Chioggia, Genova prese e saccheggiò la città nel 1379, ripresa da Vettor Pisani il 31 luglio 1380.
Nella seconda metà del Trecento (tra il 1353 ed il 1362) il Rettore assommò le competenze giudiziarie ed amministrative del podestà e quelle militari del Capitano, ovvero la custodia delle mura, la difesa militare della città e del suo contado nonché, in tempo di pace, dell’intera Istria, congiuntamente al Capitano di Raspo. Nel Quattrocento il Podestà di Capodistria iniziò a ricevere competenze giudiziarie d’appello per diverse podesterie istriane: dal 1457 Portole, dal 1483 Buie; tra il 1538 ed il 1551 anche Grisignana, Cittanova, Visinada, Valle; dal 1574 Umago, dal 1580 Isola. Di fatto, dal 1580 il podestà e capitano di Capodistria controllava l’attività di tutti i rettori a nord del Quieto (con l’esclusione di Pirano, di competenza di Raspo) e di qualche podesteria meridionale.
Inoltre l’istituzione, nel 1579, del Provveditore in Istria, aveva mostrato l’utilità di una magistratura provinciale; tutto ciò portò, il 4 agosto 1584, all’istituzione del Magistrato di Capodistria. Si trattava di una magistratura affidata al Podestà coadiuvato da due consiglieri nobili veneziani, con il potere di seconda istanza su tutti gli atti dei rettori e giusdicenti d’Istria e (dal 1589) di Cherso (isola considerata in Dalmazia): Capodistria iniziò così a divenire, di fatto, il capoluogo di un’entità unita, l’Istria veneta considerata come provincia e non più come insieme di entità separate.
Il Rettore assommò quindi competenze locali e provinciali; dirigeva anche la Camera fiscale, esigendo i dazi e le pubbliche imposte.
Nel 1632 ebbe l’autorità di inquirire l’operato dei rettori istriani e di rivederne i libri contabili.
Nel 1636 ebbe facoltà di nominare un Provveditore ai confini scelto fra il patriziato capodistriano; ebbe competenza anche sulla produzione del sale; infine, ebbe l’obbligo della visita in provincia, almeno una volta nel corso del mandato.
Di fatto, dal 1636 il podestà e capitano di Capodistria ebbe competenza di controllo su ogni aspetto amministrativo dell’Istria, tanto che nel Settecento venne chiamato «Capo della provincia».
Le Relazioni sei-settecentesche dei rettori capodistriani riflettono queste diverse competenze, descrivendo prima la situazione della città, poi della podesteria, poi dell’intera provincia.

 I Rettori veneziani
- 1278-1797 Podestà, poi Podestà e capitano
- 1278-1797 Camerlengo
- 1278-1797 Consigliere

 Iconografia
Nell'immagine in alto.
Vittore Carpaccio, Entrata del podestà capitano Sebastiano Contarini nel duomo di Capodistria.
Il dipinto (205x154 cm.) è datato 1517.
"L'opera, di carattere celebrativo, documenta un fatto realmente accaduto, ovvero l'ingresso nel Duomo di Capodistria del podestà-capitano Sebastiano Contarini, nobile veneziano del ramo di Santa Maria Nova ... L'avvenimento ... è visto con gli occhi del vescovo Bartolomeo da Sonica che, posto all'interno della cattedrale, attende di ricevere la maggiore autorità laica della città. Nulla sembra turbare la solennità del momento … nondimeno un sottile gioco di rimandi testimonia la conoscenza da parte dell'artista ... della realtà urbana in cui è ambientata la scena. Contarini ... indossa ... la toga purpurea con le maniche alla dogale; porta inoltre un manto color oro, la stola dorata sulla spalla destra e la catena al collo, simboli inequivocabili della sua dignità di cavaliere, onorificenza che gli era stata conferita dal re di Francia Francesco I il 25 novembre 1515. Tutt'intorno, con la toga nera bordata di pelliccia ... membri del Maggior Consiglio giustinopolitano; ... scalati in profondità uomini ... sfoggiano abiti colorati ... sono i membri della Compagnia della Calza ... "I costanti", sempre partecipi degli avvenimenti principali della città ... sullo sfondo ... popolani che si riposano nei pressi del Palazzo Pretorio" (Elisabetta Francescutti, scheda catalografica del dipinto, in Histria opere d'arte restaurate: da Paolo Veneziano a Tiepolo, Milano, Electa, 2005).
Questo (che si trovava a Capodistria) ed altri dipinti istriani vennero imballati nel 1940 per preservarli da danni di guerra, e trasportati in diversi luoghi sino a Roma, ove rimasero sino al 2003, quando vennero disimballati, restaurati ed esposti in una mostra a Trieste nel 2005-2006. I dipinti si trovano attualmente in città, in attesa della collocazione definitiva nel locale Museo della civiltà istriana, giuliana e dalmata.

Nell'immagine in basso.
Il palazzo pretorio di Capodistria, cioè la residenza del Rettore, in una cartolina austriaca del 1900 circa, editore B. Lonzar, Capo d'Istria (cortesia www.istriadalmaziacards.com).

     © 2019 All Rights Reserved