Username   Password       Recupero Password - Registrati
Novità Newsletter
Il progetto Mare
Presentazione
I convegni
Le persone
Organizzazione
Lo Stato da mar di Venezia
Lo Stato da mar
Il sito
Lo svolgimento del progetto
L'organizzazione dei risultati
Gli Statuti
Gli Atti di dedizione
Gli elenchi dei Rettori
Le Commissioni, i dispacci, le Relazioni
Fonti e bibliografia
Le aree geografiche
Introduzione
Istria
Triestino
Dalmazia
Albania
Levante
-Isole Ionie
-Isola di Negroponte
-Isola di Candia
-Morea
-Arcipelago greco
-Grecia continentale
-Isola di Cipro
-Signorie feudali
Altre magistrature
Cariche da mar
Bailo e consoli
Motore di ricerca
Accedi al Motore di ricerca







Le aree geografiche

 Area: Istria
 Rettorato: Capitano di Raspo


 Inquadramento storico geografico amministrativo

Il castello di Raspo (Raspruch) con le ville contermini del Carso vennero acquisite da Venezia nel 1394 per acquisto fattone, a titolo di pegno, da Anna figlia di Mainardo II conte di Gorizia, vedova di Giovanni conte di Segna, e dal di lei figlio Nicolò.
Il castello dominava la strada principale che andava dalla Carniola in Istria; fu considerato la chiave dell'Istria e munito; vennero sciolti i due paisanatici di San Lorenzo e Grisignana e formato uno solo, con sede a Raspo. Una deliberazione del Senato del 1413 impose al Rettore, sotto pena di 500 ducati, la stabile dimora nel castello. Nel 1511 il castello di Raspo venne distrutto dagli imperiali, e il Capitano passò a Pinguente, dove venne soppresso il Podestà, mantenendo l'antica denominazione.
Aveva compiti di direzione militare dell'intera Istria in caso di guerra (in tempo di pace questa responsabilità era condivisa con il Podestà e capitano di Capodistria) e di giudice ordinario nelle liti fra i comuni dei due precedenti Capitanati. Compiva cicliche visite in provincia per questioni militari, per cui nella prima metà del Cinquecento ebbe anche compiti di controllo sull'operato dei Comuni; per questa mansione, alla fine del secolo venne però preferito il Podestà di Capodistria. Il Capitanato mantenne il governo del territorio di Pinguente (ove vi era una seconda Camera fiscale, più piccola di quella capodistriana) ed altri compiti:
- il controllo sulla comunità di Pirano, la città istriana più ricca dopo Capodistria;
- l'organizzazione del comando delle cernide (le truppe reclutate fra i provinciali, istituite nel 1528);
- la sovrintendenza sui boschi privati e pubblici (il bosco di San Marco di Montona);
- la colonizzazione dell'Istria, dopo la soppressione del Provveditore in Istria, sino al 1670-80, e il controllo sugli habitanti novi, mentre quello sui vecchi rimaneva a Capodistria, causando a volte conflitti di competenze.

 I Rettori veneziani
- 1394-1797 Capitano

 Bibliografia

Senato misti, Cose dell'Istria, "Atti e memorie della Società istriana di archeologia e storia patria", VI (1890), pp. 3-43.

     © 2019 All Rights Reserved