Username   Password       Recupero Password - Registrati
Novità Newsletter
Il progetto Mare
Presentazione
I convegni
Le persone
Organizzazione
Lo Stato da mar di Venezia
Lo Stato da mar
Il sito
Lo svolgimento del progetto
L'organizzazione dei risultati
Gli Statuti
Gli Atti di dedizione
Gli elenchi dei Rettori
Le Commissioni, i dispacci, le Relazioni
Fonti e bibliografia
Le aree geografiche
Introduzione
Istria
Triestino
Dalmazia
Albania
Levante
-Isole Ionie
-Isola di Negroponte
-Isola di Candia
-Morea
-Arcipelago greco
-Grecia continentale
-Isola di Cipro
-Signorie feudali
Altre magistrature
Cariche da mar
Bailo e consoli
Motore di ricerca
Accedi al Motore di ricerca







Le aree geografiche

 Area: Istria
 Rettorato: Pola


 Inquadramento storico geografico amministrativo

Denominazione classica: Pola.
Città costiera all'estremità meridionale della costa occidentale istriana, già importanre centro romano. In città si era prima formata la signorìa dei Castropola, già Sergi, caduti subito prima della dedizione, che avvenne nel 1331. Nell'ambito della guerra di Chioggia, nel 1379 Genova prese e saccheggiò la città, ripresa da Vettor Pisani il 5 agosto 1380.
Diversamente dalle altre cittadine istriane, il Rettore ricevette il titolo non di Podestà ma di Conte e, sino al 1638, gli venne affiancato un Provveditore; nel 1638 il Conte assorbì in sé anche quella funzione. Il titolo di "conte" venne assegnato forse in ricordo dell'antica contea bassomedievale che comprendeva la città con il suo contado.
Il conte risiedette dapprima nel "palazzo di città" nell'antica piazza del Tibio, all'incontro fra le contrade Montalban e Trevisol, poi palazzo Bevilacqua. Nel 1308 venne costruito il nuovo palazzo pretorio, restaurato nel 1460 ed ingrandito nel 1678-79, poi nel 1709; la Loggia piccola venne chiusa nel 1739.

 Atto di dedizione »»

 I Rettori veneziani
- 1331-1638 Conte
- 1331-1638 Provveditore
- 1638-1797 Conte e provveditore

 Iconografia
L'immagine è tratta da: Viaggio da Venezia, a Costantinopoli Per Mare, e per Terra, & insieme quello di Terra Santa da Gioseppe Rosaccio con brevità descritto, Venezia, appresso Giacomo Franco, 1598 (ristampa anastatica Monfalcone, Edizioni della Laguna, 1992).

 Bibliografia

BERNARDO BENUSSI, L'Istria nei suoi due millenni di storia, Trieste 1924.
B. B., Commissioni dei Dogi ai Podestà veneti nell'Istria, "Atti e memorie della Società istriana di archeologia e storia patria", IV (1887), pp. 3-109.
BERNARDO BENUSSI, Storia documentata di Rovigno, Trieste 19772 (18881), pp. 75 segg., con anche minute indicazioni sulle retribuzioni.

     © 2019 All Rights Reserved